Kill Bill: oltre gli estremi

“La vendetta non è mai una linea retta; è una foresta nella quale bisogna sapere biforcare per mostrare l’indicibile.”

Queste parole sono del maestro Hattori Hanzo, uno dei personaggi del film “Kill Bill”, scritto e diretto da Quentin Tarantino. Film che in realtà, per ragioni di tempo è diviso in due: volume 1 e volume 2, suddivisi a loro volta in capitoli ma, oltre ogni ripartizione, dato dalla visione d’insieme, un unico capolavoro. La frase con cui ho voluto iniziare di proposito – potrei dire casualmente, e in un certo senso lo è sempre, come a volte, osservando un po’ più a fondo, ci si accorge che fa proprio al caso nostro – è rappresentativa, e racchiude il percorso dello stesso film, che ugualmente bisogna saper biforcare, affinché ci mostri quell’ indicibile.

Indicibile, che passa appunto dalla vendetta della Sposa, interpretata magistralmente da Uma Thurman, che qui veste i panni, o meglio, per esser precisi, la tuta gialla di questa killer di professione, che finirà disarmata dalla stessa mano che l’aveva armata, e quel sangue versato si trasmuterà in lacrime, miracolo questo, della comprensione giunta, perché è umanamente impossibile, anche solo immaginare, che dietro a tanta violenza, possa nascondersi un gesto… di infinito amore.

Schermo-nero-1920x1080Amore da cui ogni cosa ha inizio, seppur in un ambiente malavitoso. Amore verso l’uomo per cui lavora, Bill, e di cui porta in grembo sua figlia, e sarà proprio per lei, per tutelarla, che abbandonerà la sua professione rischiosa, il suo uomo e i suoi colleghi, facendo perdere loro le sue tracce, e avviandosi così, verso una vita mediocre, però sicura. Ma in fondo, lo sappiamo bene che la sicurezza è solo un’illusione, ed ecco infatti, che si ritrovano tutti in quella chiesa: lei che sta per diventare la sposa di un altro, e lui con i suoi sicari, calmo e lucido, già pronto ad effettuare il massacro pianificato, e forse magari inconsciamente, il coma per lei e non la morte come tutti i presenti alla cerimonia funesta. Eh sì, anche nella violenza più determinata, può insinuarsi per assurdo il lapsus, e in quello che apparentemente potrebbe sembrare un gesto portato avanti fino in fondo, c’è ancora un altro fondo che detta le sue leggi, e che fa arretrare in quell’ attimo sospeso, nell’ insondabile finezza dinamica, cambiando così, direzione o intento. Sottili sono i confini, laddove l’ambivalenza ammicca e confonde, intercalando sentimenti che, solo in apparenza, possono sembrare contraddittori, ma dal o nel momento che ci sfuggono, non è detto che non siano strettamente collaborativi.

quesCome pure cooperanti sono la vita e la morte che si giocano qui, sono loro in fondo i veri protagonisti e, nel gesto estremo e dell’estremo maltrattamento di Bill verso la Sposa, ormai insanguinata e trucidata, in quello stesso istante dello sparo che dovrebbe essere il colpo di grazia, c’è come l’invocazione alla vita nel mentre la si sta togliendo. E ciò che alla nostra percezione arriva come violenza, e che a tutti gli effetti lo è, contiene anche quella necessità di morire, per tornare a rivivere, oppure… meglio sarebbe morire definitivamente.

A questo punto, la stessa possibilità di giudizio viene offuscata, tanto il male come il bene, si dissolve sotto i nostri occhi restando solo un banale punto di vista, perché ci sono violenza e violenza, e da quella che si fa a se stessi può non esserci scampo, mentre invece quella che ci viene fatta, può anche darci la possibilità di restituirci a noi. E Bill ha lasciato questa possibilità alla Sposa che, infatti, resiste, e al risveglio dal lungo coma, recupera le forze e il controllo del suo corpo, grazie agli insegnamenti ricevuti a suo tempo, da un inflessibile maestro di arti marziali, e lista alla mano, inizia la sua scalata di sangue e vendetta, con la stessa calma e lucidità del suo “carnefice”.

ipBT3R6YvO8.maxresdefaultFilm in un certo qual modo complesso e articolato, come del resto lo sono i rapporti dinamici e, laddove l’energia non si trattiene e indirizza in quella che è la norma comportamentale, questa non può che sgorgare passando da uno stato all’ altro indifferentemente, transizioni in quelli che noi chiamiamo: “Opposti”.  Non è cosa facile però, spostarsi da questi e denominare il resto, mettere la parola su un qualcosa di così intenso che muove, se non quella che si presti a sfumare, lasciando spazio ad altra: parola e sentimento. La nostra stessa visione del film deve andare a sfumare, per fluire attraverso la narrazione in flashback, in cui gli eventi si dispiegano, passando altresì, tra bianco e nero, animazione manga, effetti splatter, e notevoli sequele d’azione. Il tutto, per un mix davvero ben calibrato e diretto, che sempre muove sulle giuste note, incluse quelle a tutti gli effetti, delle diverse colonne sonore, che passano con perfetta assonanza da Ennio Morricone a Bernard Herrmann (Luis Enrique Bacalov), da Isaac Hayes (Run Fay Fun) a Jonathan Kaplan, da “Woo Hoo” dei 5.6.7.8’s a Quincy Jones, Santa Esmeralda e Nancy Sinatra, per sfociare infine, in uno struggente e suggestivo flamenco a ritmo di lame che tagliano l’aria innevata.

quesPenso o spero si sia capito, che ci stiamo muovendo in un contesto surreale, e che nulla va preso alla lettera e dislocato in un altrove, che sicuramente ci appartiene, ma non pertiene allo stesso film. Del resto, è lo stesso regista a definirlo il suo progetto più visionario: “Da allora il mio lavoro ha preso un’altra svolta. Sarebbe bello tornare a un mondo viscerale che non è composto solo da parole.”. Come pure surreali, sono gli stessi attori che qui si intercalano, e adattandosi completamente, danno il via a questa danza degli opposti che attraversandoli, vi si lasciano attraversare, mentre questi si autoeliminano a colpi di sciabola, lasciandoli intatti e non più divisi da sentimenti contrastanti. Affiora così, a piano a piano, l’originalità della trama, nonché una riflessione più profonda e avanzata su quella che è la nostra cultura dei sentimenti, e decisamente, un punto di vista più ardimentoso.

ques

 

 

Annunci

3 pensieri su “Kill Bill: oltre gli estremi

    1. miafenice Autore articolo

      Grazie carissimo Giancarlo, chiama quando vuoi, ci sono sempre per una sana e corroborante conversazione, che è poi anche ciò che ci fa scrivere così, e sto giusto scrivendo una cosa forse un tantino irriverente, e ogni volta che ci torno, mi sento te e penso: questo potrebbe essere uno dei libri di Giancarlo, anche per l’immagine poi, ma ne parliamo quando ci sentiamo. Un abbraccio a te!

      Piace a 1 persona

      Rispondi

Rispondi a Giancarlo Buonofiglio Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...